Un WE a Parigi

A volte capita che trovi un’offerta sui biglietti del TGV e allora non puoi proprio fartela scappare!
Acquistiamo i biglietti, blocchiamo un mini-appartamento e aspettiamo il momento per partire!
Decidiamo di dedicare questi pochi giorni per rilassarci, ritmi lenti, tante passeggiate tranquille.
Ecco le nostre tappe di questo breve soggiorno in città!

I Passages Couverts (“passaggi coperti”): delle gallerie commerciali costruite a partire dal 19° secolo, percorrono gli isolati, tra un edificio e l’altro. Le coperture sono in vetro e metallo…splendidamente decorate! Parigi ne è piena (se ne contano circa 150) anche se non tutti sono aperti e, essendo gallerie commerciali, non sono aperti a tutte le ore e tutti i giorni!

Noi abbiamo passeggiato nella Galerie Vivienne, nel Passage des Panoramas e nel Passage Joufroy. Si trovano tutti uno in seguito all’altro ed è bellissimo farli in successione….un susseguirsi di vetrine particolari, antiquari, negozi di giocattoli,…e ovviamente tanti caffè e patisseries che ti circondano di profumi.

 

La domenica ci perdiamo per alcune ore al Parc des Buttes-Chaumont. Un susseguirsi di sentieri e ruscelli ci conduce prima ai piedi di una cascata e poi ad un enorme laghetto. Ci sediamo su una panchina e ci godiamo la tranquillità di questo posto, alla faccia di tutti i parigini che corrono intorno a noi e fanno stretching!

Non possiamo poi non andare a Montmartre, arrampicarci lentamente un passo dietro l’altro, fermarci a guardare gli artisti di strada, sorridere davanti a quella che fu la casa di Amelie e il bar dove lavorava.
Arrivare sotto Sacré-Coeur e affacciarci sulla città. Scendere, passeggiare per il mercatino delle pulci e prendere un gaufres gigante per merenda.

 

A questo punto prendiamo la metro e ci dirigiamo al Canal St. Martin dove venne girata una delle scene più famose del film “il favoloso mondo di Amelie”. Il canale è un riflesso unico di verde e di azzurro. Tutto lungo il canale tante case colorate e negozi strambi! Ci soffermiamo davanti alle vetrine variopinte.

Un’ultima coccola è passeggiare per il mercato di Piazza della Bastiglia. Che avventura divertente! Banchi di ostriche si alternano a montagne di formaggio…i profumi ti attirano da un angolo all’altro e non sai se prendere un bel pezzo di formaggio, assaggiare una crépes fatta al momento o qualche tipico dolce marocchino.
Accanto a noi succede di tutto: dal bambino che si mangia un croissant mentre la mamma compra la verdura fresca, contemporaneamente un nonnino seduto in un angolo si mangia delle ostriche appena acquistate!

 

Non si può tralasciare un po’ di arte quando si va a Parigi e allora andiamo sull’Ile de la Cité e ci perdiamo dentro la magnifica Notre-Dame. Non ci sono parole per descrivere la sua magnificenza. Enorme, maestosa. Le vetrate magnifiche. Ci sediamo nella navata centrale e ci perdiamo.
Proseguiamo la nostra passeggiatina sull’isola ed entriamo anche nella Sainte Chapelle: tripudio di colori e vetrate!

 

LINK

Sulle tracce di Amelie: a questo link troverete una cartina dettagliata di tutti i luoghi in cui son state girate le scende del film.
Passages Couverts: qui si trova un elenco di tutti i passaggi ancora accessibili, con orari di apertura, indirizzi e info utili.
Notre Dame de Paris: sito ufficiale della cattedrale
Cartina dei mezzi pubblici: un link sempre molto utile!

Rispondi