Un we al rifugio Gastaldi

E’ un caldo pomeriggio di inizio Settembre quando con Federica, mia compagna di viaggio in questo we, decidiamo di andare in montagna.

Direzione…su!

Anche oggi si sale! #rifugiogastaldi #piandellamussa #balme #piemonte @federica_s21

A post shared by Unkmdopolaltro (@unkmdopolaltro) on

La meta è il rifugio Gastaldi, gestito da Roberto, un amico di famiglia, che si trova a 2659 metri.
Guardiamo il GPS mentre parcheggiamo a Pian della Mussa, da dove parte il sentiero, e indica 1810 metri. Capiamo subito che la strada sarà lunga e faticosa.

Il sentiero inizia subito ripido e complicato. I primi 300 metri di dislivello sono una difficile “scalinata” sul fianco della montagna che taglia subito gambe e fiato. Arrivati sul “Pian dei morti” pensiamo che il motivo del nome sia dovuto alla difficoltà della parte appena conclusa mentre scopriamo che il nome è dovuto ad incidenti occorsi ai primi scalatori di inizio ‘800.
Approfittiamo volentieri del pianoro e troviamo anche la compagnia di qualche pecora.

Incontri ravvicinati #piandellamussa #balme #trekking

A post shared by Federica Santi (@federica_s21) on

Purtroppo al termine del pianoro la strada inizia nuovamente a salire e tra altitudine, zaino e poco allenamento il mio fiato scarseggia e mi trovo spesso a far attendere la mia compagna di camminata.

Dopo circa 3 ore finalmente siamo al rifugio, stanchi, sudati ma decisamente soddisfatti di essere riusciti ad arrivare al nostro obiettivo.

La serata in rifugio vola via tra partite a carte, racconti di montagna con altri ospiti, chiacchere con il gestore e con una fantastica cena seguita, come nelle migliori tradizioni, da Genepì di ottima qualità.

Durante la cena, guardando il panorama dalle finestre del rifugio, all’improvviso notiamo due stambecchi che si fermano a poca distanza a brucare per nulla intimoriti dagli ospiti che sono corsi fuori con macchine foto e cellulari per immortalare la scena.

Incontri in rifugio #rifugiogastaldi #balme #piandellamussa #piemonte #stambecco

A post shared by Unkmdopolaltro (@unkmdopolaltro) on

Dopo cena, nell’oscurità più assoluta, fuori con il naso all’insù ad ammirare un cielo senza nemmeno una nuvola, ma con una quantità di stelle come poche altre volte mi è capitato di vedere. Anche la via lattea si riusciva a distinguere chiaramente. Qualche foto e poi a nanna nel sacco a pelo!

Il mattino seguente sveglia con calma e con orari poco da montagna, colazione veloce, un ultimo saluto a Roberto e iniziamo la discesa. Già dopo pochi passi vediamo la valle sotto di noi piena di nuvole e rimaniamo a bocca aperta dallo spettacolo che ci offre.

#balme #piandellamussa

A post shared by Federica Santi (@federica_s21) on

Altre due ore di camminata e siamo purtroppo alla macchina, al termine di un we stancante, ma decisamente rigenerante.

Paolo

Rispondi