Colosseo e Palatino: la Roma dei romani

Il Colosseo…esci dalla metro e sbam! Rimani senza parole. Te lo trovi davanti: maestoso, antico…e nel nostro caso con anche l’impalcatura davanti perché altrimenti sarebbe un miracolo!

Poi si abbassa lo sguardo e lo vedi letteralmente circondato dalle macchine che strombettano, motorini che serpeggiano tra un pullman e un pedone.
Ti vuoi avvicinare a lui, vuoi andargli vicino, vedere se è vero…e via l’assalto di chi ti propone un tour o ti vuole vendere un souvenir…ma sgusci, con la mano sulla tasca per far attenzione ai borseggiatori e l’altra al tuo compagno di viaggio per non perderlo tra la folla di turisti.

Ed eccoti li sotto…cavolo se è grande!
Ok, vorremmo correre dentro subito, senza aspettare! Siamo curiosi e abbiamo la fretta che caratterizza i bambini. Ma la bellezza va sudata no? Allora mettiamoci in coda! Tanto siamo stati bravi e siamo arrivati presto, quando la città ancora “dorme” e la coda è ancora corta.

Dopo un po’ siamo li, con il biglietto in mano! Cavolo…da che parte si entra?! Forse di qua, no di la…su per queste scale…ed è un attimo che ti trovi davanti a quel immenso spazio ricoperto di cunicoli e tunnel. Ti giri e non riesci ad immaginare questa vastità piena di persone!

#colosseo #roma

A post shared by Unkmdopolaltro (@unkmdopolaltro) on

E così passano le ore nel passeggiare tra un “anello” e l’altro, nell’immaginare la gente che assisteva agli spettacoli più atroci…il genio e la follia. L’uomo non riesce a separare le due cose?

Usciamo ancora un po’ storditi. Ed è incredibile come dentro queste mura ci si dimentichi cosa c’è fuori! Così diciamocelo, la massa di turisti, i borseggiatori, i venditori di souvenir o tour guidati, i pullman che inchiodano e il rumore del clacson…ma perché? Povero Colosseo! Appare a disagio, fuori luogo, venduto. Necessita delle nostre coccole e noi gliele facciamo! Lo fotografiamo, cerchiamo di nascondere quell’impalcatura, quel pullman, cerchiamo di tagliar via le persone, lo facciamo di nuovo apparire bello e sgargiante!

Ancora storditi da tanta grandezza raggiungiamo il Palatino e i Fori Romani, poco davanti. E qui c’è Roma. La Roma dei romani, la senti, la percepisci, la vedi. E così ti trovi a passeggiare tra una statua altissima, una colonna, resti di capitelli,…antichi reperti che la natura circonda, la terra e l’erba iniziano a crescere nelle fessure, tra una scultura e l’altra.
Mentre ti muovi nella storia se chiudi gli occhi puoi riuscirci, puoi immaginarti con una toga bianca, i capelli raccolti, le scarpe di lacci.
E anche qui, come per il Colosseo, sembra di essere su un altro pianeta. Ti dimentichi la città rumorosa circostante e ti senti come in un mondo parallelo.

LINK UTILI
Il sito del Turismo di Roma per informazioni Colosseo e Fori Romani
Il Palatino su wikipedia
I Fori Romani e Palatino sul sito della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici

Rispondi